Tutti gli Israeliani sono colpevoli di aver dato fuoco a una famiglia palestinese

Articolo di Gideon Levy sul quotidiano israeliano Haaretz

Gli israeliani accoltellano gay e bruciano bambini. Non vi è un briciolo di calunnia, il minimo grado di esagerazione, in questa secca descrizione.
Vero, queste sono le azioni di pochi. Vero, anche, che il loro numero sta crescendo. E’ vero che tutti loro – tutti gli assassini, tutti coloro che danno fuoco, che accoltellano, che sdradicano alberi – fanno parte dello stesso gruppo politico. Ma chi è all’opposizione condivide la responsabilità.
Tutti coloro che hanno pensato che sarebbe stato possibile sostenere isole di democraticità nel mare del fascismo israeliano sono stati messi in imbarazzo questo fine settimana, una volta e per tutte. Semplicemente non è possibile sostenere la brigata commando che spara ad un adolescente, e poi restare scioccati dai coloni che mettono a fuoco una famiglia; sostenere i diritti dei gay e tenere una conferenza in Ariel (insediamento coloniale); essere senza pregiudizi e poi assecondare la destra e cercarvi dei partner. Il male non conosce confini; inizia in un posto e velocemente si diffonde ovunque.

Continua a leggere Tutti gli Israeliani sono colpevoli di aver dato fuoco a una famiglia palestinese

Annunci